Enrica Arena

 

 

Laurea in Interpretariato e Comunicazione (2004-2007) con doppio diploma italo-francese. Master universitario in Comunicazione per le Relazioni Internazionali (MICRI) (2008-2009) e laurea magistrale in Politiche per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo (Dic 2011 - Apr 2013). 
Ha lavorato presso:

  • Bibliotheca Alexandrina - PR Specialist (ottobre-dicembre 2008)
  • UNDP Regional Office, Egypt - Internship (febbraio-luglio 2009)
  • BIC Openet SRL - Communication Officer (Ott 2010 - Ago 2011)
  • Fondazione l'Albero della Vita - Account Marketing & Fundraising (Nov 2011 - Ott 2012)
  • Orange Fiber - Project Manager (Gen 2012 - presente)

 

L'azienda: Orange Fiber

 

Orange Fiber è una start up che sviluppa tessili innovativi – cosmetotessili - per la moda partendo dagli scarti e dai sottoprodotti dellʼindustria agrumicola, attraverso:

  • Processi innovativi che rendono possibile lʼestrazione di cellulosa da scarti agrumicoli, ed il suo uso per il settore tessile. Fattibilità provata, domanda di processo depositata con 100% della titolarità.
  • Nanotecnologie che fissano gli oli essenziali di agrumi ai tessuti permettendo così di ottenere tessuti funzionali al benessere del consumatore. Prototipo realizzato.

Vogliamo trasformare le oltre 700.000 tonnellate di scarto dell’industria agrumicola italiana in un tessuto sostenibile e vitaminico che rappresenti una nuova opportunità per i settori tessile e moda italiani.
Secondo le nostre ricerche, il consumo globale di prodotti tessili è di circa 75 milioni di tonnellate annue ed è soggetto ad un aumento proporzionale a quello della popolazione mondiale. Il dato più significativo rispetto a questo scenario è che, diversamente dagli ultimi decenni in cui la richiesta di tessile è stata soddisfatta essenzialmente mediante l’utilizzo di fibre sintetiche derivate dal petrolio, oggi vi è una netta propensione verso le fibre di derivazione cellulosica in primis a causa della disponibilità limitata di quelle derivate dal petrolio.